mercoledì , 5 Ottobre 2022
Home / Curiosità / Tisane e decotti contro i malanni di stagione

Tisane e decotti contro i malanni di stagione

Siamo nel pieno della stagione invernale e, come succede in questi particolari periodi dell’anno, veniamo attaccati da virus influenzali che provocano sintomi fastidiosi come raffreddore, tosse grassa e febbre.
Il medico ci può aiutare a sentirci meglio grazie ad alcuni farmaci ma, contemporaneamente, possiamo assumere specifiche tisane che possono contrastare gli stati influenzali.

Quando contraiamo un virus influenzale il naso tende a chiudersi, si presenta il raffreddore e dopo qualche giorno anche la tosse. Tutto ciò è accompagnato da dolori articolari e stanchezza. Questi orribili stati influenzali non passeranno certo con un paio di tisane, per guarire ci vorrà il medico ma, con i decotti giusti possiamo alleviare i sintomi e rinforzare le difese immunitarie.

Lo diciamo sempre: la natura viene sempre in nostro aiuto e questo è un esempio eclatante.
Ciò che spesso ignoriamo è che esiste una pianta per ogni nostra problematica e , in erboristeria, sarà possibile acquistare alcune piante già pronte per essere utilizzate nelle tisane. Troveremo infatti foglie o fiori da poter aggiungere all’acqua per ottenere una tisana oppure radici o cortecce per preparare un buon decotto.
Ma qual è la differenza tra tisana e decotto. Come abbiamo accennato, la tisana si ottiene versando dell’acqua bollente su fiori e foglie e lasciando riposare il tutto per 10 minuti, per poi filtrare il composto.
Il decotto, invece, si ottiene facendo bollire radici o cortecce in acqua per 20 minuti. Anche in questo caso lo step finale è il filtraggio.
Ma quali sono le piante specifiche per ogni tipo di malanno?
Sedetevi comode 5 minuti, magari mentre gustate la vostra tisana preferita e lo scoprirete.

Se il nostro problema è la congestione nasale, ci occorrono 3 tipi di fiori, ossia i nostri ingredienti:
3g di olmaria, 1 g di eucalipto e 1 g di timo.
Dopo aver versato 200 ml di acqua sui suddetti ingredienti, bisogna lasciare in infusione per 10 min per poi filtrare.

Se ci sentiamo costipate dal catarro, invece, ci serviranno solo 2 ingredienti: 5g di malva e 1 cucchiaino di miele.
Per preparare questa tisana dovremo mettere in infusione i fiori di malva per 10 minuti e soltanto dopo potremo aggiungere il miele.

Se invece abbiamo addirittura la tosse grassa sostituiremo la malva con il timo per poi aggiungere il miele.

Per sostenere l’organismo, invece, abbiamo bisogno di 3 ingredienti: 1 g di sommità di agrimonia, 1 g di fiori di sambuco e 3 g di timo.
Anche in questo caso, dovremo aggiungere 200 ml di acqua bollente sui nostri ingredienti per poi lasciar riposare per 10 minuti.

Infine, se soffriamo di dolori articolari procuriamoci 4 g di liquirizia e lasciamoli in infusione per 10 minuti. Attenzione però: è risaputo che la liquirizia tende ad alzare la pressione. Se la nostra pressione già tende ad essere più alta della norma, sarà opportuno sostituire la liquirizia con il ribes nero.
Per ogni dubbio non dimenticate di chiamare il medico e ricordate che queste ricette si riferiscono alla preparazione di 1 tazza di tisana e che si consiglia di non assumere più di 3 tisane al giorno.

Check Also

Le pesche: proprietà e benefici

Le pesche sono i frutti dell’albero di pesco (Prunus persica L. Batsch), pianta arborea di …

Le abitudini che fanno rallentare il metabolismo

Oggi parliamo di un elemento chiave per la nostra linea, il metabolismo.Infatti il metabolismo è …

Lascia un commento